Uno sguardo ad OpenOffice e LATEX

27 09 2008

Nel mondo dell’open source ci sono tantissime valide alternative ai software a pagamento. Antonio Cantaro ha preparato delle guide rivolte alle persone alle prime armi, in cui spiega come usare due ottimi software multi piattaforma, indispensabili sia per l’ufficio che per uso domestico. Come avrete già capito dal titolo sto parlando di OpenOffice e LATEX.

Con questa suite completa avrete tutto il necessario per lavorare: video scrittura, foglio elettronico, presentazioni, grafica vettoriale, database, biglietti da visita, editore HTML, documento master, etichette, formulario XML, matematica, ecc.. In definitiva avrete a disposizione una validissima alternativa ad Office della Microsoft. Però, mentre Office costa un mucchio di soldi (da € 457 quella Standard, a € 778 la Ultimate, IVA esclusa), OpenOffice è completamente gratuito. OpenOffice.org è, inoltre compatibile con i formati di Miscrosoft Office, ossia può leggere ed esportare nei formati di Microsoft. Qui troverete sia le istruzione per usarlo su Ubuntu sia su Windows.

Un’altro software molto più professionale è LATEX. Esso è usato soprattuto da chi vuole scrivere formule matematiche, economiche, chimiche o di altro genere oppure vuole realizzare grafici, libri ed altro, che con i normali strumenti di video scrittura non è possibile ottenere. LATEX è un software completamente gratuito, open source e multi-piattaforma, cioè funziona benissimo con qualunque sistema operativo. I documenti scritti in LATEX si possono velocemente convertire anche in pdf. Il sito dell’Istituto Majorana offre un’ottima guida gratuita per imparare ad utilizzare al meglio questo fantastico strumento.

Insomma, non vi resta altro che provarli! 🙂





BOINC e il calcolo distribuito

19 09 2008

Io, come credo anche molti di voi, lascio il pc acceso per parecchie ore anche quando non lo utilizzo. Questo comporta uno spreco di risorse senza averne nessun vantaggio, quindi perchè non utilizzare il proprio pc per un nobile scopo, ovvero aiutare la scienza e la ricerca!?! 😀 Vi starete sicuramente chiedendo, come? Con il calcolo distribuito! Esso consiste nell’utilizzare la potenza di calcolo di diversi pc collegati in rete, sparsi in tutto il mondo per effettuare calcoli che anche i super computer impiegano parecchio tempo per svolgere. Anche se naturalmente il nostro computer ha un processore che non è neanche minimamente paragonabile a quello di un super computer, unendo la potenza di migliaia di pc possiamo dare un aiuto importante per velocizzare i progetti di ricerca.

Un programma che sfrutta questo sistema, e che ho scoperto qualche giorno fa nel blog del mio amico Gim²y, è BOINC. Questo programma è stato sviluppato dai ricercatori dell’Università di Berkeley, e sfrutta le risorse inutilizzate del proprio pc. Infatti non noterete alcun rallentamento, perchè quando verrà richiesto da un’altro programma un maggiore utilizzo del processore, BOINC lo libererà. Naturalmente l’utilizzo del processore mentre il programma è aperto sarà sempre al 100%, quindi ci sarà un maggior consumo di energia. Una volta installato il programma, registrato l’account e scelto il progetto che preferite non dovrete fare nient’altro. BOINC è disponibile sia per Windows, GNU/Linux e MAC.

Per installarlo su Ubuntu basta semplicemente digitare da terminale:

sudo apt-get update

sudo apt-get install boinc-client boinc-manager

Se per caso volete approfondire l’argomento vi lascio alcuni link dove troverete diverse informazioni:

BOINC

Calcolo Distribuito

[GUIDA] Calcolo Distribuito-BOINC

In questo modo potrete aiutare il mondo e la ricerca senza fare alcuna fatica! 🙂