Uno sguardo ad OpenOffice e LATEX

27 09 2008

Nel mondo dell’open source ci sono tantissime valide alternative ai software a pagamento. Antonio Cantaro ha preparato delle guide rivolte alle persone alle prime armi, in cui spiega come usare due ottimi software multi piattaforma, indispensabili sia per l’ufficio che per uso domestico. Come avrete già capito dal titolo sto parlando di OpenOffice e LATEX.

Con questa suite completa avrete tutto il necessario per lavorare: video scrittura, foglio elettronico, presentazioni, grafica vettoriale, database, biglietti da visita, editore HTML, documento master, etichette, formulario XML, matematica, ecc.. In definitiva avrete a disposizione una validissima alternativa ad Office della Microsoft. Però, mentre Office costa un mucchio di soldi (da € 457 quella Standard, a € 778 la Ultimate, IVA esclusa), OpenOffice è completamente gratuito. OpenOffice.org è, inoltre compatibile con i formati di Miscrosoft Office, ossia può leggere ed esportare nei formati di Microsoft. Qui troverete sia le istruzione per usarlo su Ubuntu sia su Windows.

Un’altro software molto più professionale è LATEX. Esso è usato soprattuto da chi vuole scrivere formule matematiche, economiche, chimiche o di altro genere oppure vuole realizzare grafici, libri ed altro, che con i normali strumenti di video scrittura non è possibile ottenere. LATEX è un software completamente gratuito, open source e multi-piattaforma, cioè funziona benissimo con qualunque sistema operativo. I documenti scritti in LATEX si possono velocemente convertire anche in pdf. Il sito dell’Istituto Majorana offre un’ottima guida gratuita per imparare ad utilizzare al meglio questo fantastico strumento.

Insomma, non vi resta altro che provarli!🙂


Azioni

Information

6 responses

27 09 2008
Luca

OpenOffice è veramente un ottimo programma. Lo uso sa su Linux sia su Windows. Perchè infatti devo spendere tutti quei soldi per Microsoft Office?
Latex non lo conosco, ora provo.

28 09 2008
3cvb

compatibile fino ad un certo punto io trovo sempre un documento ke viene interpretato nella maniera sbvagliata (mannaggia a m$…)

28 09 2008
Marco Calatozzo

@Luca: Infatti, hai ragione, sono soldi sprecati.🙂

@scvb: Ma forse parli della versione 2.4, perchè nella 3.0 sono stati risolti un sacco di problemi.

20 12 2008
Fulvio

Che nella 3.0 siano stati risolti un sacco di problemi mi permetto di dubitarlo. Impress – per esempio – è più inutilizzabile che mai. Provate ad inserire un file musicale in una presentazione o anche solo a riprodurre i suoni già presenti di default … Oppure digitate “sound & Impress” in Google.

5 05 2009
Francesco

ma è possibile inserire suoni nei file creati in latex…? sto perdendo la testa.. help me please…

5 05 2009
Marco Calatozzo

Ti devo dire la verità, io non ho mai provato Latex, questa era più che altro una recensione che ho avuto da Antonio Cantaro, in modo da diffondere di più la notizia.🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: